Menu

Snapchat Spectacles: gli occhiali fanno “snap” e “social”

Social, Tecnologia

Snapchat Spectacles: gli occhiali fanno “snap” e “social”

Snapchat Spectacles: gli occhiali fanno “snap” e “social”

Snapchat Spectacles, ossia: come ti trasformo gli occhiali da sole in “Wearable Technology”, facendo leva su design, web e social network. A farlo è Snapchat, o forse dovremmo dire Snap Inc. dopo il recente cambio nome deciso dai due fondatori, Bobby Murphy ed Evan Spiegel per un semplice motivo: Snapchat è solo un prodotto e hanno intenzione di farne tanti altri. Come gli Spectacles, appunto, il primo prodotto hardware di Snap Inc.

Gli Spectacles non sono semplici occhiali da sole, ma tecnologia indossabile che permette agli utenti di registrare video e pubblicarli direttamente su Snapchat perché connessi via bluetooth o Wi-Fi. Questi contenuti sono pensati per alimentare il bacino delle “Memories“, la funzione che permette di salvare, raccogliere e rivedere gli “snap” che si desidera conservare (e sottraendoli così alla cancellazione automatica dopo 24 ore). Ecco il video lanciato recentemente:

Come funzionano gli Spectacles di Snapchat?

Gli Spectacles sono disponibili in tre colori diversi (nero, verde acqua e corallo) e montano una delle più piccole videocamere in commercio, proprio sulla montatura. Il funzionamento è molto semplice:

  1. Basta toccare un pulsante per iniziare a registrare mini video da 10 secondi, dalla propria prospettiva e con le mani finalmente libere;
  2. una piccola luce avverte amici – o perfetti sconosciuti – che stai registrando;
  3. il video viene inviato direttamente wireless alle tue “memories” (ma qui non è ancora chiaro se viene pubblicato direttamente, probabilmente basterà configurare l’account secondo le tue esigenze);
  4. gli occhiali possono ricaricarsi direttamente nella loro custodia.

Spectacles tra tecnologia, video “circolari” e prezzo

Gli occhiali registrano video con un’angolazione di 115 gradi che a quanto pare consente di realizzare video ”circolari”, in teoria più vicini al punto di vista naturale dell’occhio umano… e proprio questo è il nuovo format video di Snapchat. Alla domanda “Perché realizzare questi occhiali?” del Wall Street Journal, Evan Spiegel ha risposto semplicemente: “Perché è divertente”. Ma bisognerebbe soffermarsi su tre considerazioni per capire che c’è qualcosa in più.

La prima riguarda il nuovo format: questa idea dei video circolari non è un caso, ma un progetto concreto che vede nei video il grande business dei prossimi anni. La seconda, ancora meglio: Snap Inc. ora possiede la tecnologia “concreta”. Ciò significa che Snapchat si sta liberando dal suo essere “mera” applicazione per smartphone o tablet, insomma. La terza riguarda proprio il prezzo: gli Spectacles saranno in vendita a un prezzo di 130 dollari circa, poco più che 100 euro. E pensare che Google voleva commercializzare i Google Glasses sui 1.500 euro! Si può anche capire perché gli occhiali di Google siano già nel dimenticatoio. Snap Inc si rivolge ancora una volta a un target giovane, il suo zoccolo duro di utenza, offrendo un prodotto fresco e “accessibile”.

Snapchat sul 70% degli smarphone: il business è “mobile”

Il Mobile App Report 2016 di comScore parla chiaro: Snapchat è presente sul 70% degli smartphone degli utenti tra i 18 e 24 anni. Ma parliamo degli Stati Uniti. In Italia gli utenti di Snapchat sono circa 700mila e in costante crescita, soprattutto tra i più giovani: il 42,6% degli utenti ha infatti meno di 18 anni, mentre il 30,9% ha tra i 18 e i 24 anni. Qui una recente ricerca dello IED su un campione di 1.000 persone, riassunta in un’infografica.

snapchat-italia-infografica-ied-2016

Snapchat marketing: come i brand possono sfruttarlo?

Ci sono già molte case history su Snapchat, di brand che hanno sfruttato al meglio le logiche di questo social network. Molti sono riusciti a entrare nelle logiche di storytelling curati e ben realizzati, altri hanno puntato su promozioni (sconti, temporary shop, ecc…) e contenuti ad hoc per stimolare la brand awareness, la fidelizzazione e la curiosità dei consumatori. Una tra le tante, la campagna di Gatorade che per il superbowl (uno degli eventi sportivi e televisivi più seguiti in America) ha attivato un filtro sponsorizzato che ha fatto letteralmente impazzire gli utenti.

Ma con gli Spectacles cosa si può fare? Le implicazioni sono in realtà tantissime. Basta pensare a organizzare eventi dove gli utenti sono invitati a raccontare l’iniziativa, dal loro punto di vista… questa volta letteralmente! Basti anche pensare alle attività di influencer marketing e a quanta visibilità si può ottenere con una giornata organizzata bene con le persone giuste. Ma non solo, perché la realtà aumentata è dietro l’angolo: e se nei video registrati comparissero promozioni o contenuti sbloccabili e visibili solo a pubblicazione avvenuta? Insomma, Snapchat e Spectacles possono essere strumenti davvero versatili, che possono diventare vere “chiavi di volta” di comunicazioni efficaci per qualsiasi brand, dal food al luxury.

ARTICOLI CORRELATI

Social Media Trends 2017: conferme e novità Social Media trends 2017, ovvero: quali saranno le tendenze social per l'anno che sta arrivando? C'è...
eCommerce su Instagram: in arrivo la nuova funzione I dati parlano chiaro: l'eCommerce è sempre in crescita in Italia e nel Resto del mondo. Sempre più ...
Mobile First Index: Google premia siti e ricerche sullo smartphone Google sta per introdurre un nuovo indice di ricerca: si chiama Mobile First Index e rappresenta l'i...
Loading Facebook Comments ...
0 Comments Leave a reply

    Leave a comment

    Your comment(click button to send)

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    This is a unique website which will require a more modern browser to work!

    Please upgrade today!